domenica, agosto 19, 2018

antivirus pagamentoQuando si tratta della sicurezza informatica della propria attività non conviene andare al risparmio. La diffusione dei pagamenti elettronici, dell’home banking e di strumenti come paypal hanno cambiato il modo di usare il denaro e di acquistare o vendere, ma la contemporanea crescita delle tecniche di furto delle vostre informazioni sensibili, tramite software malevolo come i così detti trojan, o con tecniche di pirateria spicciola che cercano di truffarvi confondendo con finti siti internet delle vostre banche (vere e proprie imitazioni) o con le classiche richieste di dati, quali username e password dei vostri account sensibili, via email, tutti fenomeni facenti parte della famiglia del phishing.

Se affidarsi ad una soluzione totalmente gratuita per la protezione dei propri sistemi informatici può essere un rimedio accettabile se si è dei privati senza grosse esigenze, il quadro cambia cambia quando si parla di aziende, liberi professionisti o semplicemente individui che conservano dati sensibili sul proprio computer.

Fino a qualche anno fa i leader della sicurezza digitale avevano nomi blasonati e spesso sinonimi di costi esagerati e pesantezza d’esecuzione (ram e cpu spesso saturate), parliamo di Norton e McAffee, ma di cose nel mondo dei computer ne sono cambiate tantissime da qualche anno a questa parte, e lo potete verificare leggendovi la classifica dei migliori antivirus 2015 a pagamento, dove la parte da leone la fanno aziende fino a qualche anno fa inesistenti.

Certo anche l’odierno mondo della sicurezza informatica ha dei nuovi big come Kaspersky, AVG e Avira (e non solo, basta vedere il link sopra per leggerne altri di nomi famosi e importanti) e in tutti e tre i casi parliamo di aziende sviluppatrici di software per la sicurezza che hanno guadagnato molta popolarità con l’introduzione di versioni gratuite a licenza singola che hanno abituato l’utente a questi marchi e ai loro prodotti, mirando in parte a seguire la strada tracciata da altri software o sistemi operativi, totalmente gratis per gli utenti, con limitazioni o a pagamento per le aziende. Ovviamente installare un antivirus gratuito significa accettare qualche limite in più nelle funzionalità e l’impossibilità di poterne fare un uso aziendale.

Che quindi siate o no propensi all’acquisto di software commerciale, nel caso degli antivirus potete scegliere soltanto fra una protezione scarsa o non sufficiente verso i rischi informatici oggi presenti in rete, ed una di livello serio per la vostra attività o per l’importanza delle informazioni conservate sul vostro computer e che scambiate tramite la rete dati.