domenica, ottobre 21, 2018

Wads of euro banknotes are stacked at the GSA company's headquarters in ViennaAccedere al credito è diventato difficilissimo. Le banche, in seguito alla crisi economica esplosa nel 2008, hanno reso più complessa l’erogazione di prestiti e finanziamenti rispetto a quanto non fosse in passato.

In sostanza oggi per poter ottenere un finanziamento è necessario offrire delle solide garanzie reddituali e avere tutte le carte in regola, ossia un profilo immacolato senza segnalazioni in criff. Le banche, di fatto evitano di erogare crediti considerati “a rischio” per evitare di aumentare le insolvenze e mettere i propri conti a rischio.

Perchè le banche non erogano finanziamenti

Ogni istituto di credito deve avere i conti in ordine secondo alcuni parametri che vengono decisi a livello europeo. Le insolvenze, ossia i crediti erogati a privati e aziende che non riescono a pagare le rate di rimborso devono essere contenuti all’interno di una percentuale ben precisa.

La crisi, inutile dirlo, ha fatto aumentare in maniera esponenziale il numero di soggetti in difficoltà e sempre più spesso si finisce con il non farcela a pagare le rate della banca. ne sono un esempio le tantissime case che si possono trovare in vendita all’asta.

Per la banca tutto questo si traduce in una forte perdita che, allo stato attuale, non può più permettersi.

Come richiedere un prestito?

Oggi, quindi, bisogna prestare molta attenzione a come si presenta la domanda di finanziamento alla banca. Per prima cosa è bene stare molto attenti all’entità dell’importo che si desidera ottenere partendo dal presupposto che la rata di rimborso del prestito deve essere inferiore al 20% del proprio reddito mensile.

Un altro aspetto da tenere in grande considerazione è l’eventuale segnalazione del proprio profilo come cattivo pagatore. In questo caso affidarsi ad un bravo professionista del settore per vedere di risolvere la situazione.

Infine un ultimo consiglio: prima di sottoscrivere un finanziamento verificate se esistono agevolazioni o convenzioni per la propria categoria presso regione, comune o provincia. E’ una ricerca semplice che si può fare anche su internet, ma nel caso potrebbe far risparmiare moltissimo.