domenica, agosto 19, 2018

montenegroQuanti di voi conoscono il Montenegro? Il piccolo stato dei Balcani è la meta ideale per un viaggio last minute organizzato con rapidità e facilità. A vostra disposizione quasi 300 km di costa dalle vedute mozzafiato che non ha nulla da invidiare alla vicina Croazia. Ogni cala, ogni anfratto un nuovo paesaggio con spiagge di sassolini, sabbia bianca e piccoli borghi a picco sul mare. Il clima, nelle località che si affacciano sull’Adriatico, è quello del sud Italia, con temperature intorno ai 20°-25° in ottobre.

La moneta ufficiale è l’euro e il risparmio sui prezzi di molti generi e servizi rispetto all’Italia è di circa la metà. Insomma una meta di vacanza ideale in questi tempi di crisi dove non si dispone di grandi capitali da dedicare allo svago.

Itinerari

Il Montenegro poi non è solo mare, ma soprattutto 40 laghi dalle acque purissime, boschi e prati che coprono l’80% del territorio.
Considerando poi che si tratta del primo stato ecologico del mondo, lo sancisce la Costituzione, con la totale assenza di industrie pesanti, di ossigeno ne respirerete fino a ringiovanire.

Se non vi basta e siete alla ricerca dell’adrenalina vi consigliamo il rafting con le cascate sul Canyon del fiume Tara, il secondo al mondo per lunghezza dopo il Grand Canyon del Colorado. Assieme al massiccio montuoso del Durmitor, la laguna marina delle Bocche di Cattaro e l’antica città di Cattaro, il canyon del Tara è inserito dall’Unesco nei siti patrimonio dell’umanità.

Poi percorsi da trekking a non finire e una grande varietà di sport invernali praticabili, nelle principali stazioni di montagna di Žabljak e Kolashin. Per gli amanti della pesca qui c’è soltanto l’imbarazzo della scelta, con acque purissime e la possibilità di affittare facilmente una piccola imbarcazione.
Chi invece preferisce il bosco troverà immense foreste dove poter praticare la caccia in tutta tranquillità o raccogliere nelle selve di castagno e di cerro prelibati porcini, nei quali è facile imbattersi visto lo scarso interesse dei montenegrini verso questo tipo di funghi.
Ma non finisce qui. Il Montenegro è il paese del relax. Nei bar non azzardatevi a chiedere un caffé al banco perché qua l’abitudine è di venire sempre accomodati e riveriti, senza maggiorazione.

Perfino nelle discoteche o nei locali più frequentati i camerieri non mancheranno di raggiungervi per sevirvi. Nei ristoranti come nelle ‘kafane’ si mangia bene a partire dai 7-10 euro. A tavola si unisce la tradizione alimentare slava con le influenze mediterranee e le specialità turche. Ottime e abbondanti le carni, alla griglia, allo spiedo, al forno, affumicate o nelle zuppe tipo ‘gulash’.
Branzini, orate, pesce azzurro ne troverete senza problemi ma merita di essere assaggiato anche il pesce d’acqua dolce, come le trote e le carpe, preparate in squisite ricette. Poi i formaggi freschi, il ‘kaimak’ e il ‘sir u uli’, gli affettati di maiale dal sapore inconfondibile e le squisite preparazioni con la polenta bianca (‘tzitzvara’ e ‘cachamak’).

Il tutto annaffiato da birra di produzione locale (la ‘Nik’) o vini di buona qualità, soprattutto considerando i prezzi. L’industria vitivinicola del paese sta crescendo notevolmente e qua si ha la possibilità di bere vini in bottiglia affinati o genuine produzioni limitate di uvaggi autoctoni, di cui in Italia ci stiamo ultimamente dimenticando. Insomma anche a livello enogastronomico il Montenegro è un paese tutto da scoprire, la parola d’ordine è il ‘domaci’, il fatto in casa, garanzia di qualità e di assenza di sofisticazioni.

Montenegro -hotel e voli

Le possibilità per organizzare il vostro viaggio sono molteplici. In aereo Roma è collegata con la capitale Podgorica con tre voli settimanali a costo contenuto (150 euro a persona tasse incluse).

Da qui potete noleggiare un’auto e raggiungere nel giro d’un ora il mare o la montagna, i laghi o i siti di interesse storico-artistico. Se invece preferite portarvi dietro la vostra auto i collegamenti della Morfimar con il porto di Bar si effettuano da Ancona e Bari con regolarità, ma è anche possibile arrivare a Dubrovnik in Croazia con Jadrolinija e da lì raggiungere in meno d’un ora il confine montenegrino. Se volete prenotare un hotel, qui trovate alcune offerte, ma il mio consiglio è di affittare camere o appartamenti sul posto, a prezzi davvero contenti.