martedì, maggio 22, 2018

Sono tanti glia grumi che oggi si possono facilmente trovare sulle nostre tavole. Anche considerando solo le arance, sono molte le diverse varietà, in cui si suddividono i frutti disponibili. In molti casi si tratta di varietà antiche, che sono entrate nelle coltivazioni tempo addietro; la nascita di una varietà di frutto dipende da una lunga serie di fattori, a volte favoriti dall’azione dell’uomo.

Le arance più famose: i tarocchi
Tra i tanti agrumi che oggi si coltivano in Italia le arance tarocco occupano un posto predominante, anche perché con buona probabilità sono tra le più rinomate. La varietà tarocco è nata in campo, per una mutazione naturale, che è stata nel tempo sfruttata dall’uomo, fin dalla fine del 1800. I tarocchi, spesso sono chiamate così queste arance, sono grossi, con buccia abbastanza chiara e non eccessivamente spessa. I singoli frutti sono grandi, più di un pugno di un uomo adulto, e presentano il classico collare, chiamato muso, nella parte in cui il frutto è collegato alla pianta attraverso un corto picciolo. Il succo e la polpa delle arance tarocco è dolce e profumato. Le arance tarocco si suddividono ulteriormente in alcune sotto varietà, e sono molto diffuse nelle coltivazioni italiane, non solo in Sicilia.

Arance Navel
Purtroppo le informazioni riguardo alle diverse varietà dia rance non sono molto diffuse, questo porta molte persone a non conoscerne alcuna, a parte le arance tarocco ovviamente, ed alcuni altri casi particolari, come ad esempio le arance navel. Questa varietà di base è nata in brasile nella prima metà del 1800; oggi in coltivazione in Italia sono disponibili alcune diverse varietà che derivano da quella iniziale, denominata Washington navel, da cui sono derivate la Navel late, la Navelina, la Thompson. Queste arance sono perfettamente tondeggianti e presentano un classico navel, ossia una specie di piccolo frutto gemello, posto sotto la buccia all’attaccatura del frutto alla pianta. La buccia al di sopra del navel è leggermente ribassata, a creare quello che in gergo viene detto ombelico.

Diverse varietà di un frutto salutare
La presenza di una certa varietà dia rancia sul mercato dipende da una serie di fattori, alcuni dei quali correlati al clima. L’uomo infatti sfrutta le possibilità di mutazione naturale delle piante per effettuare incroci di vario genere, in modo da ottenere piante che resistano alle malattie, o i cui frutti maturino in diversi periodi dell’anno. In questo modo si possono avere arance appena colte dall’autunno fino alla primavera.