domenica, agosto 19, 2018

Le scimmiette brasiliane si chiamano uistitì, o marmoset, ed appartengono alla famiglia degli Arctopitechi. Nel Sud America si possono trovare anche nelle periferie delle città.

Le loro caratteristiche

Gli uistitì (che comprende due sottogeneri) sono tra le scimmie più piccole del mondo, e non superano i venti centimetri e non pesano più di cento grammi. Invece il Cebus è delle dimensioni di 110 centimetri e pesa all’incirca sei chilogrammi e la loro cosa si presenta molto lunga. Quest’ultimo gruppo comprende molte altre specie, tra le quali anche le scimmie cappuccine.

Le scimmiette brasiliane, si nutrono principalmente di frutta, piante, linfa degli alberi (soprattutto quella della Tapirira guianensis) ed insetti. Negli ultimi anni, il deforestamento ha spinto questi animali a cercare del cibo altrove, anche dove si trovano degli insediamenti umani.

Ogni specie ha delle caratteristiche diverse (soprattutto per quanto riguarda la loro riproduzione), ma per lo più questi animali vivono in gruppi familiari, e si muovono da un albero all’altro, soprattutto vicino alla rive dei fiumi o nel sottobosco, dove possono trovare del cibo. Anche se da adulti sviluppano una certa indipendenza, rimangono sempre nel loro gruppo natio. In media, vivono all’incirca una quindicina d’anni.

Nella maggior parte dei casi, le femmine danno alla luce due gemelli, che restano con loro solo per l’allattamento. Infatti, sembra che sia il gruppo (soprattutto i maschi) a crescerli.

Dove si trovano?

Oltre che in Brasile, è possibile trovare queste scimmie anche in altri paesi del Sud America, come la Colombia, il Perù, la Bolivia, la Costa Rica e l’Ecuador.

Anche se vivono principalmente nelle grandi foreste, non è impossibile che si aggirino nelle coltivazioni e nelle periferie delle città. In pratica, dove possono trovare del cibo.

Ci sono dei bracconieri che le cacciano e le vendono al mercato nero, per farne degli animali da appartamento. In Italia è illegale “importare” uno di questi animali, ma dei bracconieri possono venderli tranquillamente all’estero. Oltre all’illegalità di questo commercio, si deve tenere conto che anche se questi animali possono risultare simpatici e si vorrebbe farne degli animali domestici, queste creature di sicuro non vivono bene in cattività. Sono all’incirca venticinque le specie di scimmie in via d’estinzione, e due si trovano in Brasile.

In conclusione, se ci si reca in Brasile (soprattutto nei parchi nazionali) si possono ammirare diverse specie di piccole scimmie, in gruppi che comprendono una quindicina di esemplari. Tra queste, si possono trovare gli uistitì pigmei, le scimmia più piccola del mondo.