giovedì, luglio 19, 2018

In gravidanza è bene seguire la dieta fornita dai ginecologi. I formaggi, in linea generale, si possono mangiare, ma in una certa quantità, e molte donne si chiedono quali latticini sia meglio mangiare, soprattutto se si tratta dello stracchino.

Proprietà nutrizionali dello stracchino

Lo stracchino è un formaggio a pasta molle, di origine lombarda, prodotto con latte vaccino intero, stagionato per un mese, e che può essere consumato dopo un mese o due di riposo.

E’ principalmente una fonte di grassi (70 %) e proteine: centro grammi possono contenere 12,5 grammi dei primi, e 26,5 grammi delle seconde. Un etto di questo formaggio equivale a 297 calorie. Se lavorato come prevede la tradizione, un etto può contenere fino a un grammo di sale.

Oltre alle proteine e ai grassi, contiene vitamine B12 e sali minerali, e per la precisione, un etto può soddisfare il bisogno giornaliero:

  • del 60% di vitamina B12;
  • del 43 % di calcio;
  • del 38 % di fosforo.

In base a quanto prescrive la dieta mediterranea, la quantità giusta di stracchino da mangiare sarebbe una porzione una o due volte alla settimana, durante i pasti, per assumere proteine.

Lo stracchino in gravidanza fa male?

Visti i suoi nutrienti, molte donne possono chiedersi se è il caso di consumarlo, durante il periodo della gravidanza, e la risposta non è certo positiva, in quanto questo formaggio si ottiene dal latte crudo, che contiene un batterio, il Listeria monocytogenes, che può causare problemi sia alla madre che al bambino. Infatti, esso può causare la listeriosi, e causare delle complicazione, persino l’aborto.

Questo batterio resiste alle alte temperature, e chi vuol consumare questo formaggio, dovrebbe assicurarsi che il latte sia stato pastorizzato ad una temperatura alta, tra i 75 e gli 85 gradi, per almeno quindici secondi.

Nel caso che sia pastorizzato, il ginecologo potrebbe anche autorizzare a mangiarlo. Infatti, online è possibile trovare online le testimonianze di donne che lo hanno mangiato, per assumere le proteine, insieme alla ricotta e alla mozzarella, senza problemi. E’ bene, quindi, leggere attentamente le etichette di tutti i cibi che s’intende assumere in questa particolare fase.

Sebbene bisogna fare attenzione al latte con cui è stato prodotto, lo stracchino rimane comunque un formaggio facile da digerire.

I formaggi sono un’ottima fonte di proteine, durante la gravidanza (e forse anche per il periodo dell’allattamento), ma alcuni, come lo stracchino, dovrebbero essere evitati, a meno che non siano ricavati dal latte pastorizzato (lo stracchino “Nonno Nanni”, ad esempio, può essere consumato).