domenica, agosto 19, 2018

Il film d’animazione degli Aristogatti, è il ventesimo classico della Disney, uscito nel 1970, ed ultimo progetto approvato da Walt Disney, che vide la luce dopo quattro anni.

La trama

Il film è ambientato nel 1910, a Parigi, in cui la gatta Duchessa e i suoi tre piccoli, Matisse, Bizet e Minou vivono nella splendida casa di un’anziana gentildonna, da loro chiamata “Madame”, ex cantante lirica, per cui rappresentano l’unica famiglia.

La donna, nel suo testamento, redatto da un vecchio amico avvocato, lascia tutto ai suoi piccoli amici di zampa, che passeranno tutto al maggiordomo Edgar, alla loro dipartita. Quest’ultimo viene a sapere delle ultime volontà della padrona, e decide di abbandonare i gatti fuori Parigi, per rimanere l’unico beneficiario del testamento.

Per fortuna, il mattino dopo la famiglia di gatti incontra Romeo, un gatto italiano, che si invaghisce a prima vista della sofisticata Duchessa, e si offre di riaccompagnarli a Parigi. Nel corso del loro ritorno in città, il gruppo di gatti fa dei nuovi incontri, e la sera prima di tornare a casa, la famiglia passa una bella serata con gli amici di Romeo, il gatto jazzista Scat Cat e la sua banda.

Purtroppo, ogni cosa bella finisce, e i quattro Aristogatti deve tornare a casa, dall’adorata Madame. Davanti ad essa, Romeo e Duchessa si salutano, ma il gatto italiano è costretto a tornare indietro, avvertito dal topo Groviera, per salvare Duchessa e i gattini dal maggiordomo, che vuole spedirli all’estero, e infine li salva aiutato da tutti i loro amici gatti.

Alla fine del film, Romeo decide di rimanere con Duchessa, i gattini e Madame, che modifica il testamento, stabilendo che alla sua morte la sua dimora diventerà una casa per tutti i gatti randagi di Parigi.

I nomi degli Aristogatti

I protagonisti di questo film sono, ufficialmente:

  • Duchessa, bellissima gatta bianca, aristocratica, fine come una nobildonna (facendo così onore al suo nome);
  • Romeo, il simpatico gatto randagio, di origini italiane, che nel film fa la parte del classico gentiluomo rude (forse meno poeta del Romeo da cui prende il nome), che si innamora di Duchessa e dei suoi gattini;
  • Minou (Marie nella versione originale), e l’unica figlia femmina di Duchessa, bianca come la madre;
  • Matisse (Toulouse), che dipinge quadri, e viene soprannominato “tigre” da Romeo, che fa la parte del rude;